Quanto fa la differenza un allenatore? Ci sono molte scuole di pensiero al riguardo, ma di certo chi guida una squadra ha spesso un flusso fondamentale sulla stagione di un club.

Il bonus di benvenuto di 888sport!

E a giudicare da quante squadre in Serie A hanno deciso di continuare con lo stesso condottiero nella nuova annata, evidentemente in molti hanno lavorato bene… Due curiosità, prima di iniziare la carrellata di cifre: per la prima volta negli ultimi anni non c'è un chiaro favorito per le quote Serie A! Ancora, come evidenziato due anni fa con ben cinque tecnici ex Crotone ai nastri di partenza, oggi sembra Udine... la nuova Coverciano!

Lo stipendio del tecnico Campione d'Italia

I contratti degli allenatori top

Gli ingaggi di Italiano e Gasperini

Quanti ex Udinese in Serie A

Gli stipendi importanti di Juric e Giampaolo

Gli accordi dei tecnici neopromossi

Quanto pesa lo staff

FAQs

 
All'anno €7,000,000 £5,944,435
Al mese €583,333 £495,369
Per ciascuna settimana €134,615 £114,315
Al giorno €19,178 £16,286
All'ora €799 £678
Al minuto €13 £11
Dal momento in cui hai iniziato a leggere questo contenuto, Max Allegri ha incassato
 

Lo stipendio del tecnico Campione d'Italia

Confermato, e non poteva essere altrimenti, il tecnico campione d’Italia. Stefano Pioli, che ha riportato il Milan allo scudetto dopo un decennio, è ovviamente ancora sulla panchina del Diavolo. Per lui nel novembre 2021, dopo aver fatto approdare di nuovo i rossoneri in Champions League, è arrivato un meritatissimo rinnovo a 4 milioni l’anno fino al 2023.

E considerando che di mezzo c’è stato il tricolore, probabile che i nuovi negoziati siano anche al rialzo.

Anche dall’altra parte di Milano è arrivata una conferma, quella di Simone Inzaghi. Il tecnico piacentino, nonostante uno scudetto sfuggito contro i rivali cittadini, è rimasto sulla panchina dell’Inter con il suo contratto fino al 2024 da 4 milioni a stagione.

Simone Inzaghi

I contratti degli allenatori top

Ottimo anche il rendimento di Luciano Spalletti, saldamente in sella con il suo Napoli. Dopo il terzo posto della scorsa stagione e nonostante un mercato che ha visto andare via parecchi calciatori importanti, il tecnico di Certaldo ha dato un’identità alla squadra e presumibilmente a breve dovrà incontrarsi con la società per il rinnovo del suo accordo da 3 milioni a stagione fino al 2023.

Contratto molto più a lungo termine per Massimiliano Allegri, uno dei paperoni della panchina della Serie A. La sua seconda esperienza alla Juventus gli sta facendo guadagnare ben 7 milioni di euro a stagione e le firme lo legano alla Signora fino al 2025.

Si vola poi a Roma, sponda Lazio. I biancocelesti hanno confermato Maurizio Sarri, prolungandogli anche il contratto.

L’accordo originario dell’allenatore toscano con il club di Lotito prevedeva 3 milioni di euro a stagione con una scadenza al 2023, ma il rinnovo è arrivato al termine della prima stagione, spostando la fine del rapporto addirittura fino al 2025.

Dall’altro lato del Tevere c’è l’altro riccone della Serie A, ovvero Josè Mourinho. Lo Special One ha riportato un trofeo a Trigoria (la Conference League) e ha giustificato il suo ingaggio di 7 milioni, che i Friedkin gli verseranno fino al 2024.

Mou con Dybala

Gli ingaggi di Italiano e Gasperini

Rinnovo anche per Vincenzo Italiano, dopo qualche dubbio sulla sua permanenza alla Fiorentina. L’ex centrocampista ha firmato un nuovo accordo con la Viola che lo farà rimanere al Franchi fino al 2024, con un aumento degli introiti annuali a circa 2 milioni a stagione.

L’highlander del campionato è invece Gian Piero Gasperini, confermato dall’Atalanta nonostante la prima stagione dal 2016/17 in cui la Dea, a sorpresa per le quote calcio, non si è qualificata alle Coppe Europee. Per il Gasp c’è un contratto fino al 2024, con il club orobico che versa all’allenatore dei miracoli nerazzurri uno stipendio annuale di 2,2 milioni di euro.

Gasp con Muriel!

Quanti ex Udinese in Serie A

Anche a Sassuolo viene premiata la continuità, con la permanenza di Alessio Dionisi. L’allenatore dei neroverdi ha un contratto fino al 2023 che gli permette di guadagnare poco meno di un milione di euro a stagione.

Prendendo la classifica della scorsa stagione, per trovare il primo allenatore nuovo bisogna arrivare al nono posto, quello del Verona. Con Tudor volato in Francia per allenare il Marsiglia, il club scaligero ha scelto Gabriele Cioffi, lo scorso anno all’Udinese. Per il tecnico toscano contratto fino al 2024 da un milione netto a stagione.

Cambia la panchina ma non i colori per Luca Gotti, che dal bianconero dell’Udinese passa a quello dello Spezia.

Per l’allenatore friulano un biennale fino al 2024 di cui non sono noti i termini economici, ma che verosimilmente si aggirerà sui 600mila euro che guadagnava alla Dacia Arena.

Tra le squadre dello scorso campionato, nessuna conferma è stata meritata tanto quanto quella di Davide Nicola, che ha fatto un vero e proprio miracolo salvando la Salernitana. Il suo contratto scade nel 2024 e prevede 800mila euro all’anno per l’allenatore. 

Gli stipendi importanti di Juric e Giampaolo

Confermato al Torino il vecchio condottiero gialloblù, Ivan Juric. Il croato, nonostante qualche attrito con la società per il mercato, è rimasto al suo posto, forte di un contratto importante per il club granata, fino al 2024 da 2 milioni di euro a stagione.

A Bologna invece i rossoblù hanno deciso di chiudere il rapporto con Sinisa Mihajlovic a pochi mesi dal termine del contratto del serbo, da 2 milioni di euro a stagione fino al 2023. Subentra Thiago Motta con un accordo fino al 30 giugno 2024.

Anche l’Empoli ha optato per il cambiamento, salutando Andreazzoli e scegliendo Paolo Zanetti. Il tecnico, che nella scorsa stagione guidava il Venezia, ha un contratto biennale con uno stipendio non ancora comunicato, ma che dovrebbe essere vicino a quello della scorsa stagione da 350mila euro.

La Sampdoria ha invece deciso di confermare Marco Giampaolo, tornato a metà della scorsa stagione dopo le buone annate blucerchiate. Per lui contratto fino al 2024 con un accordo che prevede uno stipendio di 1,2 milioni di euro a stagione. 

Gli accordi dei tecnici neopromossi

E poi ci sono le neopromosse. Il Lecce ha confermato Marco Baroni, con cui ha vinto lo scorso campionato di Serie B. Per lui è arrivato un rinnovo annuale che lo terrà al Via del Mare fino a giugno 2023, presumibilmente anche alzando lo stipendio che nella scorsa stagione era di circa 300mila euro.

L’unica new entry che ha cambiato allenatore è la Cremonese, che ha ricevuto le dimissioni di Fabio Pecchia e ha affidato la panchina a Massimiliano Alvini. L’ex tecnico del Perugia ha firmato un accordo fino al 2024 e anche se non sono noti i dati dello stipendio, per liberarlo i grigiorossi hanno dovuto pagare 600mila euro al Grifone.

Esonerato anche Giovanni Stroppa, che aveva portato per la prima volta il Monza in Serie A. Il contratto dell’ex centrocampista del Milan degli anni Novanta è di circa 500mila euro e il contratto scade nel giugno 2024; al suo posto subentra Palladino dalla Primavera brianzola.

Quanto pesa lo staff

Ci sarebbe piaciuto stilare una graduatoria anche del costo di ciascun staff tecnico, ma non esistono dati più o meno ufficiali in merito. Ogni allenatore, infatti, ormai, oltre a guidare i suoi calciatori, coordina un gruppo di professionisti super specialisti e specializzati!

A Torino, ad esempio con il ritorno di Allegri, si rivedono Marco Landucci e Marco Storari.

A Milano, Inzaghi ha portato Massimiliano Farris, molto più di un semplice secondo, Maurizio Sarri prima ancora di parlare di cifre, impone nello staff la presenza del bravo Giovanni Martusciello! Spalletti ha pensato di portare a Napoli David Pizarro.


FAQs

Qual è l'allenatore che guadagnerà di più nella Serie A 2022/2023?

Max Allegri per distacco, 7 milioni più bonus ed ampia scelta sul mercato.

Perché le società hanno investito così tanto sui tecnici nelle ultime due stagioni?

Nono solo per avere un allenatore top, ma anche per l'impossibilità di operare in modo deciso negli acquisti dei calciatori.

Gli stipendi di Mou e Mau sono da record per le due romane?

assolutamente sì, neanche nel 2000 e 2001 Lazio e Roma avevano speso così tanto per i tecnici, in particolare in rapporto da quanto investito, invece, sul monte ingaggi dei calciatori!

*Le immagini dell'articolo sono distribuite da AP Photo. Prima pubblicazione 15 giugno 2021.

Sull'autore
Di
Ermanno Pansa

Ermanno è un grande appassionato di sport, in particolare del calcio, vissuto a 360°: come professionista e come tifoso. Ha seguito tutte le fasi finali delle manifestazioni internazionali degli ultimi 15 anni, Mondiali ed Europei.

Amante degli incontri ricchi di gol, collabora quotidianamente con il blog di 888sport, per il quale rappresenta una costante fonte di idee.

 

Articoli Correlati

LA NUOVA A FEMMINILE

PREPARAZIONI MIRATE

TARE DS DELLA LAZIO DAL 2009

IL PRIMATO DI GASP

MAGLIE E SPONSOR