Un All Star Game dedicato interamente alla memoria di Kobe Bryant e sua figlia Gianna. Il weekend delle stelle in quel di Chicago sarà fortemente condizionato da quanto successo qualche settimana fa alla leggenda dei Lakers. Lo scorso 30 gennaio, a quattro giorni dalla tragedia di Calabasas, la NBA ha annunciato quello che sarà il nuovo format per l’All Star Game di Chicago.

Il bonus di benvenuto di 100 euro di 888sport!

Il Final target score - I primi tre quarti rappresenteranno tre partite separate anche per le scommesse Pallacanestro, partendo sempre da 0-0 e la squadra vincente di ogni quarto vincerà 100 mila dollari da donare all’ente benefico scelto. Al termine del terzo quarto verranno sommati i punteggi dei tre periodi e si aggiungeranno 24 punti in onore del numero di maglia di Kobe Bryant al numero dei punti realizzati dalla squadra che risulterà in testa dalla somma di cui sopra.

Questo totale rappresenterà la soglia che le due squadre dovranno raggiungere, la prima che ci arriverà vincerà la partita e riceverà altri 200 mila dollari da donare.

Curiosità e composizione delle squadre - La TNT che trasmetterà la serata di domenica negli USA, manderà in onda l'intero quarto periodo, senza alcuna interruzione pubblicitaria. Questo è un ulteriore enorme tributo a Kobe, se analizziamo che con il format previsto, il quarto non avrà una durata predefinita!

Con le classiche votazioni del quintetto che hanno coinvolto tifosi (50%) stampa e giocatori (25% e 25%), i dieci “starter” dell’All Star Game sono stati scelti con LeBron James e Giannis Antetokounmpo che sono stati i due giocatori che hanno ottenuto il maggior numero di voti. I due saranno dunque i capitani delle due squadre, e hanno partecipato al Draft che si è tenuto lo scorso sei febbraio.

Sorprendentemente, i due capitani hanno deciso di “mantenere” la composizione dei quintetti con LeBron che ha puntato su Anthony Davis, Luka Doncic, Kawhi Leonard e James Harden, mantenendo, quasi, la vecchia divisione per conference, visto che sono tutti provenienti dalla Western. Al fianco di Giannis invece nel quintetto titolare ci saranno Joel Embiid, Trae Young, Kemba Walker e Pascal Siakam. 

I record di Kobe e LeBron- Nell’edizione dedicata a Bryant ricordiamo alcuni record detenuti da Kobe. Il primo è relativo al titolo di MVP vinti dal “Black Mamba” nella gara delle stelle con 4 premi, al pari di Bob Pettit. Non solo, Kobe detiene il record di convocazioni consecutive all’All Star Game con 18 selezioni, record che potrebbe essere a rischio visto che LeBron James con la gara di Chicago arriverà alla sedicesima convocazione consecutiva.

Proprio il Prescelto detiene svariati record, a cominciare dal numero di All Star Game giocati da titolare. Con la presenza nella starting lineup della gara di Chicago, LeBron parteciperà al sedicesimo All Star Game, tutti giocati da titolare. In caso di titolo MVP andrebbe ad eguagliare Bob Pettit e Kobe Bryant a quota 4 titoli, mentre è solo in testa alla speciale classifica marcatori nell’All Star Game con 362 punti realizzati.

LBJ è anche il giocatore che ha segnato più canestri nella storia della gara delle stelle ed è uno dei quattro giocatori ad aver realizzato una tripla doppia nel 2011 (gli altri sono Michael Jordan nel 1997, Dwayne Wade nel 2017 e Kevin Durant nel 2017).

Tra i protagonisti dell’All Star Game di Chicago spiccano i numeri del “padrone di casa”, ovvero quell’Anthony Davis compagno di squadra di LeBron ai Lakers e nato proprio a Chicago. “The Brow” nell’edizione di New Orleans del 2017 davanti ai suoi tifosi realizzò 52 punti, record assoluto nella storia dell’All Star Game. Nonostante quella prestazione clamorosa, Anthony Davis non ha la miglior media realizzativa nella gara delle stelle.

Questo record appartiene all’altro capitano dell’All Star Game di Chicago, ovvero Giannis Antetokounmpo che dopo tre partecipazioni alla gara delle stelle viaggia a 28 punti di media a partita. Le ultime edizioni dell’All Star Game hanno riscritto pagine di storia per il numero di punti realizzati, come nell’edizione del 2017 di New Orleans.

Nella gara dei 52 di Anthony Davis è stato totalizzato il maggior numero di punti nella storia con 374, mentre l’anno precedente la squadra dell’ovest ha realizzato 196 punti, anche qui record assoluto segnando addirittura 104 punti in un solo tempo. Considerando il nuovo format che “bloccherà” il punteggio del quarto periodo sarà difficile vedere dei record come nelle edizioni 2016 e 2017. Non è da escludere una prestazione clamorosa di LeBron James in onore di Kobe Bryant o del padrone di casa Anthony Davis.

Attenzione per le scommesse Pallacanestro anche alla possibilità di assistere a più di una tripla doppia, il che non è mai successo nella storia dell’All Star Game. Tra LBJ, Doncic, Ben Simmons, Giannis e Russell Westbrook son tanti i candidati alla tripla doppia, mentre per quanto riguarda il titolo di MVP in questo momento è proprio LeBron James il favorito, così da raggiungere a quota 4 il suo grande amico Kobe. 

*La foto di apertura dell'articolo è di Jae C. Hong (AP Photo).

Sull'autore
Di
Ermanno Pansa

Ermanno è un grande appassionato di sport, in particolare del calcio, vissuto a 360°: come professionista e come tifoso. Ha seguito tutte le fasi finali delle manifestazioni internazionali degli ultimi 15 anni, Mondiali ed Europei.

Amante degli incontri ricchi di gol, collabora quotidianamente con il blog di 888sport, per il quale rappresenta una costante fonte di idee.

Articoli Correlati
La struttura del Salary Cap: un sistema perfetto (o quasi)

Salary Cap NBA

From Kentucky to LA, tutti i segreti di coach Vogel

La saggezza di Frank!

Luca Mazzella: “Kobe Bryant, un ossessivo del Gioco. Bucks contro Lakers, l’NBA che dovevamo aspettarci”

Kobe e la NBA

Re Mida Gallinari

La carriera del Gallo!

Tennis: Federer e le tournée negli sport

Le tournée negli sport