Nel calcio globalizzato del 2017 non esistono più squadre sconosciute, avversarie con nomi dal sapore esotico delle quali si sapeva poco o nulla che le formazioni italiane si trovavano spesso ad affrontare nei primi turni delle competizioni europee fino a qualche anno fa. Certo è che a molti tifosi milanisti, al momento del sorteggio per il playoff di Europa League, sarà comparso in volto un punto interrogativo alla lettura del nome FC Shkendija estratto dall’urna; ma Montella e il suo staff di sicuro non sono stati colti alla sprovvista.

Quella che giovedì 17 agosto scenderà in campo contro i rossoneri alle 20:45 a San Siro è una formazione macedone che ha, però, una natura del tutto particolare: lo Shkendija, infatti, è la squadra della comunità albanese che risiede in Macedonia.

Lo Shkendija è stato fondato nel 1979 e conta in bacheca un titolo macedone, conquistato nel 2011 insieme alla Supercoppa, e una coppa nazionale vinta nel 2016; la maglia è a strisce verticali rosse e nere, proprio come quella del Milan. La partita di ritorno, prevista il 24 agosto in Macedonia, non si disputerà nello stadio di Tetovo, l’Eurolog Arena, poiché l’impianto non è omologato per le competizioni UEFA: sede dell’incontro sarà l’Arena Filippo II di Skopje, noto anche come Telekom Arena per via dello sponsor, dove l’8 agosto scorso il Real Madrid e il Manchester United si sono contese la Supercoppa Europea.

Le ultime dai campi

Il Milan di Montella vuole a tutti i costi strappare la qualificazione, per tornare finalmente nella fase a gironi di una coppa europea dopo 3 anni di assenza. Una curiosità: l’ultima volta che i rossoneri hanno preso parte all’Europa League, la competizione si chiamava ancora Coppa UEFA. Era il 2008-09 e la squadra allenata da Ancelotti, nonostante uno strepitoso Pato, venne eliminata ai sedicesimi di finale dal Werder Brema grazie alla regola dei gol segnati in trasferta.

Il nuovo acquisto Lucas Biglia sarà out per le prossime 4 settimane, a causa di una lesione al bicipite femorale della coscia sinistra; il tecnico rossonero sembra intenzionato, quindi, a confermare difesa e centrocampo schierati nel match di ritorno contro i romeni del Craiova. In avanti ci potrebbero essere delle novità, con Calhanoglu che potrebbe comporre il tridente insieme a Suso e a Cutrone, prendendo il posto di Niang. Il giovane attaccante italiano, vera e propria rivelazione di questo inizio di stagione in casa Milan, sembra ancora favorito sul portoghese André Silva.

Lo Shkendija è in un momento di ottima forma, nella prima giornata della Prva Liga macedone ha superato in casa per 2-0 il Vardar, formazione di Skopje che ha vinto le ultime tre edizioni del campionato. Dopo due secondi posti consecutivi, la formazione degli albanesi di Macedonia si sente pronta a conquistare il titolo. Nei precedenti 3 turni di qualificazione, la squadra del tecnico Chatip Osmani ha eliminato i moldavi del Dacia Chisinau, i finlandesi dell’HJK Helsinki e i lituani del Trakai.

Nel 4-2-3-1 della squadra macedone le stelle sono il numero 10 e capitano Ferhan Hasani e l’attaccante Besart Ibraimi, che in questa edizione dell’Europa League ha già messo a segno 5 reti in 6 partite.

Le probabili formazioni

Questi i probabili ventidue che scenderanno in campo dal primo minuto allo stadio Giuseppe Meazza di Milano giovedì 17 agosto alle ore 20:45:

Milan (4-3-3): Donnarumma; Conti, Bonucci, Musacchio, Rodriguez; Kessié, Locatelli, Bonaventura; Calhanoglu, Cutrone, Suso. Allenatore: Montella

Shkendija (4-2-3-1): Zahov; Todorovski, Bejtulai, Bojku, Celikovic; Alimi, Totre; Radeski, Hasani, Abdurahimi; Ibraimi. Allenatore: Osmani

Le quote su 888sport

Sulla carta la differenza tra le due formazioni è notevole: nel ranking UEFA per squadre di club il Milan occupa la posizione numero 58, mentre lo Shkendija si trova al 316; una sfida che sembrerebbe, quindi, senza storia con i rossoneri favoriti per la vittoria nella partita di giovedì e nel passaggio alla fase a gironi. Queste, però, sono proprio le partite in cui è necessario mantenere sempre alta la concentrazione per evitare di incappare in brutte sorprese, dovute proprio alla sottovalutazione dell’avversario: un errore che il Milan dovrà evitare di commettere.

Il segno 1 per la vittoria del Milan nella partita di andata è quotato a 1.12 dai bookmakers di 888sport, con il pareggio a 7.50 e l’eventuale vittoria dello Shkendija che pagherebbe ben 20.00 volte la posta. Per quanto detto poco fa, la formazione di Montella dovrà cercare di ipotecare la qualificazione già dalla gara di andata, per evitare di doversi andare a giocare il passaggio ai gironi in Macedonia davanti al caldissimo gruppo di tifosi denominato Ballistët, vero e proprio dodicesimo uomo in campo. Vale quindi la pena prendere in considerazione l’ipotesi di puntare su una vittoria del Milan con più di un gol di scarto (H 0-1) quotata a 1.38 o con più di due (H 0-2) a 2.10. L’ipotesi No Goal si gioca a 1.50 contro il 2.43 del Goal, con lo Shkendija che, secondo i bookmakers, troverà molte difficoltà nel realizzare una rete a San Siro.

Sull'autore
Di
888sport

The 888sport blog, based at 888 Towers in the heart of London, employs an army of betting and tipping experts for your daily punting pleasure, as well as an irreverent, and occasionally opinionated, look at the absolute madness that is the world of sport.