Forse la sfortuna più grande di Wayne Rooney è stata una delle sue più grandi fortune, ovvero la possibilità di aver vinto e giocato con dei colleghi cannibali come Cristiano Ronaldo, Tevez, Ruud van Nistelrooy.
 

Gente che monopolizza la scena e ti fa quasi sembrare più scarso e meno rilevante nei trofei messi in bacheca dal club di appartenenza. 


Eppure quando dibattiamo di Rooney stiamo parlando del secondo miglior marcatore della storia della Premier League e soprattutto il miglior marcatore della Nazionale inglese e dello United.
 

Il terzo miglior assistman del campionato inglese. Sì, stiamo parlando di Wayne Rooney aka il sottovalutato. 

È il numero 8 che sceglie lui, non il contrario, a differenza dei protagonisti di altre nostre number 8 stories precedenti. 

Sì perché se il numero 8 è in parte presente ma non protagonista nel momento in cui l'inglese muove i primi passi col suo Everton(vestirà la numero 18), allo United inizialmente indosserà il numero 8 perché il 10 è di Ruud van Nistelrooy che è praticamente un intoccabile (quando all'Old Trafford segna l'olandese l'atmosfera diventa celestiale, per i tifosi allo stadio è come recitare un amen corale durante una messa). 

Nasce a Croxteth nella periferia di Liverpool ma l'unico sentimento che destinerà alla squadra Reds della città sarà l'odio, consuetudine per chi nasce nella periferia della città è quindi ama l'Everton.
Debutta contro il Tottenham quando deve ancora compiere 17 anni e anche questo è un record e ricordo che troppo spesso risulta troppo sbiadito da chi racconta il calcio. 

WR e l’Everton

Per provare a spiegare il mondo interiore e contraddittorio dell'attaccante inglese, possiamo provare così: segna in una partita con l'Everton mostrando la maglia "Once a Blue, always a Blue".

In un gol proprio all'Everton con la maglia dello United a Goodison Park bacia lo stemma dei Red Devils ed è un eufemismo dire che i tifosi dei Toffees non l'abbiano presa bene. Poi però, a sorpresa per le scommesse sportive, torna verso il finale di carriera all'Everton. Anche questo è Rooney. 

Affascinante, ruvido ed estetico allo stesso tempo, introverso ed eccentrico. Indecifrabile. 

Uno dei giocatori più forti della storia del calcio inglese, nonché tra i più sottovalutati. Un personaggio e un numero 8 (anche se per poco) da studiare. Da approfondire. 

Parola di chi di numeri 8 se ne intende...

*Il testo dell'articolo è di Luigi Di Maso, responsabile editoriale di Social Media Soccer

Sull'autore
Di
888sport

The 888sport blog, based at 888 Towers in the heart of London, employs an army of betting and tipping experts for your daily punting pleasure, as well as an irreverent, and occasionally opinionated, look at the absolute madness that is the world of sport.

Articoli Correlati
Quante delusioni per Becks e gli altri con la maglia dei Tre Leoni!

The Class of ’92

Cercasi squadra per Cavani!

La telenovela del mercato estivo

Leeds, tra tradizione e business!

Leeds great again!

La salvezza delle retrocesse: il paracadute

Il paracadute per le retrocesse

Ian Wright: un numero 8 mai banale. 

Number 8 Stories