Uno degli sport più praticati a livello mondiale è senza dubbio la pallavolo, in grado di attrarre tantissimi appassionati sia sul fronte maschile che femminile.

L’alzatore

L’opposto

Lo schiacciatore

Il centrale 

Il libero

Il volley può contare su tantissimi praticanti, che sia a livello dilettantistico che professionistico rendono questo sport estremamente popolare. In Italia è tra gli sport più praticati a livello scolastico, accessibile dunque a tutti i ragazzi anche se in maniera totalmente amatoriale, senza apprendere i ruoli di questo sport.

A pallavolo si gioca in sei contro sei, ma i ruoli con la modifica delle regole volley sono cinque a cominciare dall’alzatore. 

L’alzatore

L’alzatore o palleggiatore di fatto è il regista offensivo della squadra, il giocatore che deve servire gli attaccanti che vanno a caccia del punto.

È il riferimento del coach in campo, l'uomo che spesso chiama lo schema offensivo e che poi decide chi andrà ad attaccare servendolo con un’alzata. Le caratteristiche fondamentali per un alzatore sono la velocità e la tecnica, ma, soprattutto, la conoscenza del gioco e delle peculiarità del muro dall'altra parte della rete!

Giannelli alza per Mengozzi a Rio!

L’alzatore infatti deve avere l’agilità e la rapidità per raggiungere un pallone anche non ricevuto perfettamente, mettendo poi in condizione di attaccare i propri compagni con una giocata precisa. 

L’opposto

L’opposto gioca in diagonale rispetto al palleggiatore ed è il “bomber” di riferimento della squadra. I palloni più pesanti di solito vengono affidati all’opposto, che ha solo il compito di attaccare, viene dunque svincolato da qualsiasi responsabilità in ricezione.

Spesso è un fattore determinante anche a muro con la sua fisicità e il suo atletismo. Un opposto infatti deve essere dotato di buona velocità, ma soprattutto di un gran fisico e di una grandissima esplosività per attaccare anche da seconda linea.

In situazioni di emergenza il coach può chiedere all’opposto di “rinforzare” la ricezione, ma quasi sempre viene lasciato libero di preparare la fase d’attacco fin dalla battuta avversaria. 

Paola Egonu a Tokyo!

Gioiello di questa categoria? La nostra Paola Egonu, naturalmente!

Lo schiacciatore

Lo schiacciatore, detto anche attaccante “laterale” o “di banda”, è il giocatore più duttile ed ha un ruolo estremamente delicato.

Nessuno come lo schiacciatore viene impegnato in entrambe le fasi, sia difensiva che offensiva.

In campo sono  due e devono affiancare il libero in fase di ricezione, essere in grado poi di attaccare sia da prima che da seconda linea, fornire copertura all’altro attaccante in caso di muro subito e difendere un eventuale contrattacco avversario.

Uno schiacciatore dunque deve essere rapido ed agile per difendere, avere una buona tecnica a livello difensivo per ricevere bene il servizio avversario e avere l’esplosività  e la precisione per attaccare sia da prima che da seconda linea.

Leon contro la Francia

È senza dubbio il ruolo più “completo” della pallavolo, vista la loro capacità di essere efficaci anche con il servizio.

Il centrale 

Il centrale, solitamente, è il giocatore più alto e più forte fisicamente della squadra. Il suo ruolo in attacco è ridotto rispetto a quello dello schiacciatore o dell’opposto, vista la difficoltà di attaccare al centro. Difficoltà che arrivano in primis dalla ricezione, che deve essere semplicemente perfetta per permettere all’alzatore di servire il centrale con un pallone chirurgico e semplice da attaccare, anche per le scommesse pallavolo.

L’altra difficoltà arriva dagli avversari, visto che a muro di fronte il centrale si ritroverà sempre il centrale avversario, ovvero il giocatore più alto e fisico della squadra avversaria. Il centrale lavora tantissimo a livello difensivo con il muro, fondamentale che spesso diventa un colpo d’attacco se portato con il tempo giusto. Il centrale deve abbinare grande fisicità a una buona rapidità, specialmente sul primo passo, così da poter coprire tutta la rete e dare supporto agli altri anche in situazione di attacco esterno.

Irina Koroleva, specialista del muro russo!

Il centrale deve essere potente per coprire più campo possibile agli avversari quando va a muro ed avere un gran controllo del corpo, per saltare sempre in verticale anche dopo un movimento laterale. 

Il libero

Il libero è il ruolo più recente della pallavolo, nato alla fine degli anni Novanta e ha come unico compito quello di difendere. Il libero entra in campo quando uno dei due centrali si ritrova a giocare in seconda linea. La sua specialità è naturalmente la ricezione e non può effettuare alcun colpo d’attacco, non può schiacciare, murare o andare al servizio.

Monica De Gennaro

La caratteristica principale è l’agilità e la rapidità e per questo il libero è quasi sempre il giocatore più piccolo e leggero della squadra. 
 

*Le immagini dell'articolo sono distribuite da AP Photo. 

Sull'autore
Di
Ermanno Pansa

Ermanno è un grande appassionato di sport, in particolare del calcio, vissuto a 360°: come professionista e come tifoso. Ha seguito tutte le fasi finali delle manifestazioni internazionali degli ultimi 15 anni, Mondiali ed Europei.

Amante degli incontri ricchi di gol, collabora quotidianamente con il blog di 888sport, per il quale rappresenta una costante fonte di idee.

 

Articoli Correlati

Il miglior quarterback 

I numeri di Tiger

L'Eurovision tricolore

Vi spieghiamo Sorare

Le serie sportive 2022