I 176 corridori partecipanti, in rappresentanza di 22 squadre, percorreranno un totale di 3.518,5 dalla partenza sotto le due torri di Bologna fino al traguardo del 2 giugno, con la seconda prova contro il tempo, all’Arena di Verona.

888sport banner

Assente il vincitore dello scorso anno, Chris Froome, che ha deciso di puntare tutto sul Tour de France, non sembra esserci un vero e proprio favorito, ma una rosa di almeno una decina di pretendenti alla vittoria finale; l’Italia punta su Vincenzo Nibali per la classifica generale e su Elia Viviani per le tappe dedicate agli sprinter. 


Silvio Martinello, ex campione del mondo e olimpico su pista, che nella sua carriera ha vinto due tappe al Giro d’Italia, indossando anche la maglia rosa per quattro giorni nel 1996, seguirà la corsa come commentatore tecnico per Radio Rai insieme a Emanuele Dotto. Noi di 888sport.it l’abbiamo intervistato in esclusiva per parlare della gara, dei favoriti e dare dei consigli per chi ama le Scommesse sul Giro d’Italia.

Giro d’Italia ti aspetti, visto il percorso e le tappe?

“Sulla carta sarà un Giro molto impegnativo: la seconda parte, in particolare, è davvero micidiale. Per citare un detto vecchio, ma sempre attuale, la corsa la faranno i corridori. E, se vogliono, ci sono tutti gli spazi affinché questa edizione diventi una corsa epica”.

La cronometro iniziale potrebbe già dare qualche indicazione sui favoriti per la vittoria finale o, comunque, segnare già qualche distacco importante per coloro i quali correranno per la maglia rosa?

“In teoria potrebbe, ma credo che i distacchi tra i favoriti non saranno ampi”.

Chi sono i favoriti per vincere la crono di Bologna e indossare la prima maglia rosa?

“Lo sloveno Primoz Roglic su tutti, perché la tappa è adatta alle sue caratteristiche e lui si presenta ai nastri di partenza in una condizione eccezionale, come ha abbondantemente dimostrato al Giro di Romandia”.

Per le scommesse ciclismo, su 888sport.it si può scommettere sulla Prima Tappa: le nostre quote concordano con quanto detto da Martinello. Favorito numero uno per la vittoria della tappa di 8 km, infatti, è Roglic @1.50, seguito da Dumoulin @4.25 e da Yates @6.50.

Quali sono, a tuo parere, le tappe che decideranno questa edizione del Giro d’Italia?

“Credo la cronometro di San Marino, Ceresole Reale, Courmayeur, Ponte di Legno e Croce D'aune Monte Avena”.

Chi sono i tuoi personali favoriti per la vittoria finale?

“Ci sono quattro corridori che partono alla pari, nella mia personale lista: Doumoulin, Roglic, Yates e Nibali”.

Le quote - Vediamo, a questo proposito, quali sono le quote di 888sport.it per il vincitore della Classifica Generale.

Per le scommesse sportive, in cima alla graduatoria virtuale della nostra lavagna c’è ancora una volta lo sloveno Primoz Roglic @2.65, seguito a ruota dall’olandese Tom Dumoulin, vincitore nel 2017 e secondo lo scorso anno dietro a Froome, @3.50. A completare il podio virtuale c’è il britannico Simon Yates, vincitore di tre tappe nel 2018, @4.25.

Quarto tra i favoriti, come indicato anche nella graduatoria personale di Martinello, c’è l’italiano Vincenzo Nibali @8.00, che si è aggiudicato la corsa in rosa nel 2013 e nel 2016. A quota @10.00 c’è Miguel Angel Lopez, alfiere dell’Astana e temibile scalatore; dietro di lui, Mikel Landa (libero dall’ingombrante presenza di Froome) @21.00 e Bob Jungels @51.00.


A proposito dello Squalo, come arriva al Giro? E come vedi gli altri italiani in gara?

“Vedo bene Nibali, che ho messo tra i favoriti per arrivare in maglia rosa all’Arena di Verona il 2 giugno. Ha fatto un ottimo percorso di avvicinamento al Giro e arriva in una condizione buona che potrà crescere ancora con l’avvicinarsi delle tappe decisive. Dalla sua ha anche l’esperienza in questa corsa. Per la classifica non vedo altri italiani in grado di ben figurare, anche se sono curioso di vedere all’opera Davide Formolo. Tra gli sprinter, però, abbiamo molti corridori in grado di ben figurare, a partire da Elia Viviani”. 

L’eventuale successo di Davide Formolo nella Classifica Generale è quotato @151.00 su 888sport.it. Elia Viviani, invece, da ottimo sprinter, è il favorito per la Classifica a punti per le quote di 888sport.it @3.25, davanti a Pascal Ackermann @4.25, Arnaud Démare @6.50 e all’altro italiano Giacomo Nizzolo @7.00.

Parliamo dei giovani: chi sono i tuoi favoriti per conquistare la maglia bianca?
“Pavel Sivakov e Tao Geoghegan Hart, entrambi del Team Ineos, che hanno fatto faville al Tour of the Alps di fine aprile”.

Il russo Sivakov si può giocare @19.00 su 888sport.it per la Classifica giovani, mentre il britannico Geoghegan Hart è a quota @19.00; il favorito per la maglia bianca nel nostro palinsesto è il venticinquenne colombiano Miguel Angel Lopez @1.35 davanti al connazionale Ivan Ramiro Sosa @6.00 e all’olandese Sam Oomen @11.00. L’azzurro Giulio Ciccone, terzo più giovane di sempre a vincere una tappa al Giro nel 2016,  è quotato @51.00.

Per quanto riguarda la classifica a squadre, la sensazione è che sarà Astana contro tutti. Sei d’accordo?

“Sulla carta i kazaki rappresentano il team più solido e strutturato per la montagna: e di vette da scalare, al Giro, ce ne saranno davvero tante”.

Gli utenti registrati di 888sport hanno anche la possibilità di puntare sulle scommesse live e sulla classifica a squadre: la vittoria del team Astana nella Classifica a squadre si può giocare su 888sport.it @2.10, davanti alla Movistar @4.25 e alla Bahrain Merida Pro Cycling Team di Vincenzo Nibali @8.00.


 

Sull'autore
Di
Emanuele Giulianelli

Scrittore e giornalista freelance, collabora regolarmente con il Corriere della Sera, con La Gazzetta dello Sport, con Extra Time, Rivista Undici, Guerin Sportivo e con varie testate internazionali come Four Four Two, Panenka e Tribal Football. Scrive per B-Magazine, la rivista ufficiale della Lega Serie B.

Articoli Correlati
Parte la Vuelta: Roglic favorito, ma Fabio Aru si sente al top

Parte la Vuelta

Tutte le triplette nei Grandi Giri

Grandi giri: le triplette!

A Liegi favoriti Alaphilippe e Fuglsang, l’Italia sogna con Nibali e Bettiol

A Liegi l’Italia sogna

Ciclismo, la Milano-Sanremo apre la stagione delle Classiche Monumento

La Milano-Sanremo 2019!

Mondiali di ciclismo: tutti contro Valverde

Mondiali di ciclismo: tutti contro Valverde