"Il mio idolo d'infanzia era Dani Pedrosa, perché naturalmente, essendo piccolo, mio fratello non c'era; ma ora il mio riferimento è Marc ed ho la fortuna di poter lavorare con lui, di poter vivere con lui e di cercare ogni giorno di migliorare e riflettere su di lui. Lui è il mio riferimento come pilota e come tutto".

Parole rilasciate al quotidiano Marca da Alex Marquez, campione del mondo della Moto2, che dalla prossima stagione affiancherà il fratello iridato Marc sulla Honda HRC, compiendo il salto in MotoGP. 

Quello di Alex e Marc Marquez non è il primo caso di fratelli che si trovano a competere, nella stessa scuderia o su moto rivali, nella classe regina del Motomondiale: passiamo in rassegna alcuni precedenti più o meno noti; Marc Marquez sarà il favorito numero uno per il titolo mondiale in MotoGP per le nostre scommesse sportive anche nel 2020.

Il podio argentino - Juan e Eduardo Salatino hanno corso su Norton nel GP d'Argentina del 1961 e del 1962: in quest’ultima occasione, i due salirono entrambi sul podio, rispettivamente al secondo e al terzo posto. 
 

Tre fratelli senza chiavi - La seconda e ultima volta che due fratelli sono finiti sul podio di un gran premio nella massima categoria è stato a Imola nel 1997 quando, dietro a Mick Dohan nella 500 si classificarono Nobuatsu e Takuma Aoki. Due anni dopo, Nobuatsu si trovò a gareggiare contro un altro fratello, Haruchica. 

Il 17 ottobre scorso, a Motegi, Takuma Aoki, rimasto paraplegico a seguito di un incidente sulla Honda NSR500, avrebbe dovuto compiere un giro di pista con Nobuatsu e Haruchica, ma la perdita delle chiavi della RC213V-S ha permesso solamente di scattare qualche foto ai tre fratelli riuniti in pista.

Sarron e Hayden - La classe 500 del 1989 ha visto partecipare i francesi Christian e Dominique Sarron, rispettivamente su Yamaha e Honda. A Laguna Seca, nel GP USA del 2010, Nick Hayden ha corso come pilota ufficiale Ducati, mentre il fratello Roger Lee ha preso parte alla gara al posto di De Puniet in sella alla Honda LRC: entrambi finirono a punti, ma la loro presenza in contemporanea fu un evento occasionale.

Roberts ed Espargaró - Nel 2004 Kenny Roberts guidava una Suzuki, mentre Kurtis aveva una Proton: i due fratelli si sfidarono per l’intera stagione. Dal 2014, invece, gli iberici Aleix e Pol Espargaró, molto uniti in casa, sono acerrimi rivali in pista.

Su 888sport.it puoi scommettere live su tutti i principali eventi sportivi internazionali!

Il signor Rossi - C’è, infine, un altro fratello che punta a seguire le orme di Alex Marquez: Luca Marini, 22 anni di Urbino, gareggia in Moto2 ed è figlio di Stefania Palma, madre di Valentino Rossi. L’appuntamento per vedere i due in MotoGP non è ancora fissato, ma lo stesso numero 46 ha parlato di recente della possibilità che possa accadere nel 2021. Staremo a vedere.

*La foto di apertura dell'articolo è di Vincent Thian (AP Photo).

Sull'autore
Di
Emanuele Giulianelli

Scrittore e giornalista freelance, collabora regolarmente con il Corriere della Sera, con La Gazzetta dello Sport, con Extra Time, Rivista Undici, Guerin Sportivo e con varie testate internazionali come Four Four Two, Panenka e Tribal Football. Scrive per B-Magazine, la rivista ufficiale della Lega Serie B.

Articoli Correlati
Formula 1, per la prima volta si corre al Mugello: record e curiosità 

Ferrari GP 1000

Ferrari-Sainz Jr.: matrimonio in “salsa” iberica

Sponsor e motori...

Daniel Bereznay: “Ho iniziato a 7 anni, battendo mio padre al pc. Ora sono un pilota dell’Alfa Romeo”

FormulaDani di Alfa Romeo

Lorenzo Daretti: “Alla Yamaha sto vivendo un sogno! Qui la differenza la fa il pilota”

Il campione del mondo eSport!

Clausole fantasiose e risarcimenti milionari!

Le assicurazioni nello sport!