Pochi club sono stati protagonisti del mercato estivo 2022 come il Barcellona. Dopo una stagione complicatissima, i blaugrana avevano bisogno di rimettersi in carreggiata e hanno provato a farlo spendendo parecchio per portare nuovi calciatori al Camp Nou. 

Il tutto facendo alzare più di qualche sopracciglio, perchè la situazione economica dei catalani non è esattamente rosea. Ma attraverso la cessione anticipata di parte dei ricavi futuri dei diritti TV, il Barcellona ha ottenuto il denaro necessario per finanziare la campagna acquisti e per dare a Xavi giocatori che possono riportare i catalani a competere sia nella Liga che in Champions League.

Le ultime operazioni del Barça

Gli obiettivi del mercato blaugrana

I calciatori provenienti dalla Cantera

Il palmares del secondo club del mondo

Acquisti e cessioni record Barcellona

Il bonus di benvenuto di 888sport!

Le ultime operazioni del Barça

Dunque, quali sono stati i grandi colpi blaugrana? Il più importante, nonché quello di cui si è parlato di più, è certamente l’arrivo di Robert Lewandowski. Il polacco, marcatore seriale per le scommesse live ha comunicato al Bayern Monaco che voleva lasciare l’Allianz Arena e, quando il club ha detto no, ha puntato allo strappo, forte di un accordo con il Barça.

Alla fine il trasferimento si è concretizzato, con gli spagnoli che hanno versato ai tedeschi 45 milioni più bonus. Il trasferimento più costoso però è quello che ha portato al Camp Nou l’ala brasiliana Raphinha. Il classe 1996 si è messo in mostra in Premier League con il Leeds ed è sbarcato in Catalogna per 58 milioni di euro. Bella spesa anche quella per Jules Koundè, difensore francese strappato al Siviglia per 50 milioni.

Sono invece arrivati gratis il danese Andreas Christensen, svincolato dal Chelsea, e l’ivoriano Franck Kessiè, che non ha rinnovato il suo contratto con il Milan.

Kessie nel primo duello contro Casemiro!

Se n’è anche andato qualcuno, come Philippe Coutinho, riscattato definitivamente dall’Aston Villa, o Francisco Trincao, spedito in prestito con diritto di riscatto al Wolverhampton, ma anche Dani Alves, svincolato, e Clement Lenglet, prestato al Tottenham di Antonio Conte.

Gli obiettivi del mercato blaugrana

Il mercato del Barcellona, però, potrebbe non finire qui. Per tentare l’assalto alla Liga e alla Champions, Xavi ha bisogno di una rosa più profonda e con ancor più qualità.

Dunque, meglio aspettarsi ancora qualche colpo, soprattutto sulle fasce in difesa. I due terzini del Chelsea, Marcos Alonso e Cesar Azpilicueta, tra i protagonisti della Champions 2021 a sorpresa per i siti scommesse sono da parecchio nel mirino dei blaugrana.

E occhio anche a Inigo Martinez, trattato con l’Athletic prima dell’acquisto di Koundè, ma comunque possibile come acquisto in ottica futura. E poi c’è sempre Bernardo Silva, un pallino di Xavi, che il presidente Laporta non ha escluso del tutto come opportunità, visto che il Manchester City potrebbe anche lasciarlo andare…

I calciatori provenienti dalla Cantera

Non solo di grandi acquisti però è fatta la rosa del Barcellona. Dopo anni complicati, in cui faticavano a uscire talenti dalla Masia, la cantera blaugrana è tornata a produrre calciatori dal potenziale altissimo. Nella rosa di Xavi ci sono a tempo pieno Ansu Fati, Gavi, Ronald Araújo, Eric García e Nico González, tutti cresciuti nel settore giovanile del club. Oltre, ovviamente, agli ultimi rimasti del grande Barça di Guardiola e Luis Enrique costruito sui gioielli della Masia. Di quella generazione, dopo l’addio di Messi, sono rimasti comunque Gerard Piquè, Sergio Busquets e Sergi Roberto.

Del resto, la prolificità della cantera è uno dei segni distintivi del Barcellona, che nel corso dei decenni ha sempre puntato su calciatori che sono cresciuti in Catalogna, pur magari arrivando da altre parti della Spagna (Iniesta) o del mondo (Messi).

Il palmares del secondo club del mondo

Una formula che ha pagato parecchio, visto che i blaugrana sono uno dei club più celebri e titolati al mondo, con 26 campionati spagnoli, 31 Coppe del Re e 13 Supercoppa, 5 Champions League, 4 Coppe delle Coppe, 3 Coppe delle Fiere, 5 Supercoppe UEFA e tre Mondiali per club.

Come è noto, il club è di proprietà dei soci, che eleggono un presidente operativo, ma che non per questo ha diritti maggiori a quelli del singolo azionista. E nonostante ultime annate complicate dal punto di vista economico, il modello Barcellona è considerato uno dei migliori del mondo del calcio, dato che si parla del secondo club per valore secondo Forbes.

Acquisti e cessioni record Barcellona

E un club che vale così tanto, spende…parecchio. A vedere gli acquisti e le cessioni record dei blaugrana si notano cifre molto alte, che però, purtroppo per i catalani, non hanno sempre corrisposto ad acquisti azzeccati, anche se almeno le cessioni spesso non sono state troppo rimpiante. Il calciatore più pagato di sempre dal Barça è Ousmane Dembele, arrivato nel 2017 per 140 milioni di euro.

Nello stesso anno era già approdato al Camp Nou Philippe Coutinho, pagato 135 milioni al Liverpool, mentre nel 2019, al termine di una telenovela di mercato, veste il blaugrana Antoine Griezmann, dopo il pagamento della clausola da 120 milioni di euro all’Atletico Madrid. Meglio, per risultati, gli 88 milioni versati al Santos per Neymar nel 2013, mentre non troppo fruttuosi anche gli 86 milioni all’Ajax nel 2019 per Frenkie de Jong.

Il nuovo acquisto Kounde!

O Ney si prende ovviamente anche il primo posto per le cessione più fruttuose, visti i 222 milioni spesi per lui dal PSG nel 2017. Seguono Arthur (valutato 76 milioni nello scambio con Pjanic nel 2020), Luis Figo (strappato al Barça dal Real nel 2000 per 60 milioni), Alexis Sanchez (volato all’Arsenal per 42,5 milioni nel 2014) e Paulinho (che i cinesi del Guangzhou hanno pagato 42 milioni nel 2018).

*Le immagini dell'articolo sono distribuite da AP Photo.

Sull'autore
Di
Ermanno Pansa

Ermanno è un grande appassionato di sport, in particolare del calcio, vissuto a 360°: come professionista e come tifoso. Ha seguito tutte le fasi finali delle manifestazioni internazionali degli ultimi 15 anni, Mondiali ed Europei.

Amante degli incontri ricchi di gol, collabora quotidianamente con il blog di 888sport, per il quale rappresenta una costante fonte di idee.

 

Articoli Correlati

I conti del Barcellona

QUANTE OPZIONI DAVANTI

TCHOUAMENI IN MEZZO

L’era Xavi

La Siviglia League