Quando si parla di basket, nonostante una netta crescita del movimento europeo negli ultimi decenni, il primo pensiero degli appassionati va per forza di cose alla NBA. La lega americana (e non statunitense, perché ci sono anche franchigie canadesi) è considerata il top per quanto riguarda le competizioni cestistiche mondiali, quella che raduna il maggior numero di campioni, che regala lo spettacolo migliore e che, di conseguenza è anche la più seguita.

Il valore del contratto TV della NBA

NBA in esclusiva in Italia su Sky Sport

Tutti i pacchetti della NBA League Pass

Streaming Premium NBA

Grazie alla trasmissione delle partite in tutto il mondo, l'NBA è passata da fenomeno di nicchia al di fuori degli Stati Uniti a uno degli eventi più importanti del mondo dello sport.

Le sfide degli anni Ottanta tra i Lakers di Magic Johnson e i Celtics di Larry Bird, l'epopea di Michael Jordan negli anni 90, il dualismo tra Kobe Bryant e Lebron James nel nuovo millennio sono storie di sport che hanno contribuito a cementare la reputazione della lega americana nel cuore degli appassionati.

Il valore del contratto TV della NBA

Logico dunque che i diritti televisivi della trasmissione del campionato NBA, che oltre alla regular season da 82 partite a squadra offre anche il momento clou, ovvero quello dei play-off, raggiungano livelli di valore che persino competizioni importantissime come la Champions League possono solamente sognarsi.

Basterebbe pensare che l'accordo attuale, valido fino al 2025, garantisce alla Lega 2,6 miliardi di dollari all’anno, per un contratto totale da 24 miliardi (20 miliardi di euro). Ma c'è di più, perché il nuovo accordo, quello che inizierebbe dalla stagione 2025/26, rischia addirittura di triplicare le cifre attuali, raggiungendo i 75 miliardi di dollari (che in euro diventano 65 miliardi), per un introito a stagione che si aggira tra i 7 e gli 8 miliardi.

Il gioiello dei Celtics!

Un contratto del genere farebbe fare un ulteriore salto di qualità all'NBA, che si avvicinerebbe molto alla NFL, fino alla regina incontrastata degli introiti dei diritti audiovisivi. Franchigie del futuro per le quote basket? Noi andiamo su Boston e Phx!

NBA in esclusiva in Italia su Sky Sport

In Italia, come è possibile assistere al campionato NBA in maniera legale? Per quello che riguarda la televisione, l'unica opzione è Sky, che si è aggiudicata i diritti di parte delle partite e che trasmette anche i play-off.

Per poter vedere le partite del basket americano sulla televisione satellitare è necessario l'abbonamento al pacchetto sport. Sempre a proposito dei diritti di Sky, la prima opzione per lo streaming è quella di Now TV, che ripropone esattamente il palinsesto della TV di Murdoch.

La differenza è che Now TV rispetto a Sky è fruibile anche attraverso PC, Smartphone, Smart TV, Vodafone TV, Tablet, TIM Box, Google Chromecast, ma anche dalle console videoludiche come PlayStation e Xbox. Una certa differenza c’è anche nel prezzo, perché rispetto a Sky con pacchetto sport, Now TV costa esattamente la metà, 14,99€ al mese con rinnovo automatico.

Tutti i pacchetti della NBA League Pass

Ma probabilmente il percorso migliore per godersi l’NBA è quello di rivolgersi direttamente…al fornitore, ovvero la stessa lega.

Attraverso il sistema dell’NBA League Pass ogni tifoso è in grado di organizzare in maniera del tutto legale la sua visione delle partite della sua squadra del cuore o, se vuole, dell’intero campionato, con diverse possibilità sia dal punto di vista della tipologia temporale di abbonamento, di prezzo e di match a cui avere accesso. Ma come funziona l’NBA League Pass? E perchè è l’opzione più apprezzata da chi è appassionato del basket americano?

Shaq con la canotta Lakers!

In primis perché, a differenza di quanto avviene con Now TV, le partite ci sono proprio tutte quante. Un tifoso sa bene che nel palinsesto di Sky non sempre viene trasmessa la partita della propria squadra. L’NBA Team Pass permette invece di scegliere proprio il team preferito e di abbonarsi a tutte le partite stagionali, con un’opzione mensile (da 9,99 euro) oppure con quella annuale, che naturalmente a inizio stagione costa di più, ma che poi diventa sempre più economica man mano che continua il campionato.

Questa di solito è la scelta di chi, pur apprezzando l’intera NBA, è più concentrato sulle sorti della propria squadra. Ma che comunque ha a disposizione anche le sintesi delle altre partite, oltre alla possibilità di scaricare i match della franchigia preferita e guardarli addirittura offline.

Ma il vero appassionato, quello che volendo è disposto a vedere persino l’incrocio tra i due team con il peggior ranking stagione, sceglie il League Pass vero e proprio, quello che dà accesso a tutte quante le partite dell’anno. E nonostante il numero di match a disposizione venga moltiplicato…per 30, non avviene ovviamente lo stesso per il prezzo.

L’abbonamento mensile è infatti da 19,99 euro, mentre quello per l’intera stagione, per gli appassionati che vogliono avere un quadro più completo per le quote NBA naturalmente varia a seconda del momento in cui viene sottoscritto e delle partite ancora da giocare. Per chi poi non si accontenta di vedere una sola partita, ma vuole avere sotto controllo più incontri, c’è addirittura la possibilità dell’upgrade. Il League Pass Premium offre tutto quanto il campionato, in diretta o on demand, ma soprattutto la visione contemporanea su due dispositivi con lo stesso abbonamento.

Per chi poi è semplicemente curioso, c’è persino un’opzione giornaliera da 4,99 euro, magari per provare a entrare nel mondo della NBA a piccoli passi e capire se vale la pena pagare cifre più alte per il servizio mensile o stagionale. 

Visto che si parla del servizio ufficiale NBA, ovviamente, le varie tipologie di League Pass offrono parecchie opzioni che la semplice trasmissione TV di Sky o in streaming su Now TV non hanno. C’è la possibilità di scegliere il feed di trasmissione della squadra in casa o di quella in trasferta, avendo così accesso a immagini diverse a seconda del proprio interesse e anche al commento ufficiale di questa o di quella franchigia.

Streaming Premium NBA

La versione Premium è quella preferita dai fan storici, perché oltre alle partite stagionali, nella sezione on demand ci sono anche quelle del passato, in un archivio sterminato che permette di andarsi a rivedere le imprese di Michael Jordan, Magic Johnson e del compianto Kobe Bryant.

La poesia di Magic!

Insomma, davvero complicato trovare un servizio che garantisca così tante possibilità e a un prezzo altamente competitivo.

Del resto, se si parla di NBA ci si riferisce al meglio che c’è nel mondo del basket. E anche la gestione dello streaming non poteva essere altrimenti…

*Le immagini dell'articolo sono distribuite da AP Photo.

 
Sull'autore
Di
Ermanno Pansa

Ermanno è un grande appassionato di sport, in particolare del calcio, vissuto a 360°: come professionista e come tifoso. Ha seguito tutte le fasi finali delle manifestazioni internazionali degli ultimi 15 anni, Mondiali ed Europei.

Amante degli incontri ricchi di gol, collabora quotidianamente con il blog di 888sport, per il quale rappresenta una costante fonte di idee.

 

Articoli Correlati

Lakers in buona compagnia

Magico anche con i numeri

Che carriera per KD!

Prima scelta assoluta

La storia del basket