Quando si parla di nobili del calcio italiano che non vincono da un po', il pensiero non può che andare al Torino. I granata vivono un periodo complicato, in cui non riescono più a riprendersi quel posto importante nelle gerarchie del pallone tricolore che hanno avuto per quasi cento anni.

Gli ultimi sussulti risalgono ormai ai tempi di Ventura, quando il Toro ha raggiunto gli ottavi di Europa League, ma per il resto dalle parti del vecchio Filadelfia, ora trasformato in centro sportivo, le soddisfazioni sono poche, nonostante una presidenza importante come quella di Urbano Cairo. E dire che rispetto ad altre realtà (non può che venire in mente l’Atalanta), i granata spendono molto di più, sia quando c’è da fare acquisti che nel pagare i calciatori.

Il Gallo è il più pagato al Toro

Il podio degli ingaggi top al Filadelfia

I contratti di Sanabria, Pjaca e Rodriguez

Gli stipendi superiori al milione a stagione

Gli ingaggi di Bremer e Milinkovic da aumentare

Quanto guadagna Tommaso Pobega

E nonostante rispetto al 2020/21 il monte ingaggi si sia sgravato di nomi pesanti come quelli di Sirigu e Nkoulou, il Torino ha comunque contratti molto importanti per i suoi calciatori ed ha garantito un ingaggio da squadra Champions a Juric. Chi sono i più pagati?

Il Gallo è il più pagato al Toro

Poco sorprendentemente, il Paperone del toro è il centravanti Andrea Belotti, campione d’Europa 2020, capitano del club e ormai nella top 10 dei migliori marcatori di sempre dei granata.

Per il bomber di Calcinate il contratto parla di 2 milioni di euro all’anno fino a giugno 2022. Per lui l’idea è quella di un rinnovo a cifre ancora più alte, per evitare di perdere un patrimonio della società a parametro zero.

La meravigliosa esultanza del Gallo!

Il podio degli ingaggi top al Filadelfia

A seguire, con 1,7 milioni di euro a stagione, c’è un trio di calciatori che si trovano in una posizione perlomeno nella considerazione attuale dell’allenatore. Armando Izzo, Simone Zaza e Simone Verdi sono tra i calciatori più pagati della rosa, ma anche tra i meno utilizzati.

Il gesto tecnico di Simone Verdi!

Il difensore campano, che ha un contratto fino al 2024, è passato da essere un titolare fisso alla panchina. L’attaccante, che ha un accordo che scade nel 2023, non gioca neanche in assenza di Belotti, mentre il trequartista, anche lui in scadenza 2023, tra infortuni e panchine vede il campo con il contagocce. Un bel problema per il club, che ha cercato di liberarsi almeno dei tre sul mercato, non trovando però acquirenti. 

I contratti di Sanabria, Pjaca e Rodriguez

Decisamente meglio, se non altro per l’impiego costante del calciatore, gli 1,6 milioni di euro corrisposti ad Antonio Sanabria fino al 2025. Il paraguaiano, ormai una vecchia conoscenza del nostro campionato, sembra avere trovato la sua dimensione con la maglia del Toro ed è diventato un marcatore credibile anche per le quote calcio!

Non si può ancora dire lo stesso invece di Marco Pjaca. Il talento croato è in prestito dalla Juventus e guadagna 1,5 milioni fino a giugno 2022, ma continua a non mostrare le doti che avevano convinto i bianconeri a puntare su di lui. Meglio, tra i calciatori da 1,5 milioni a stagione, lo svizzero Ricardo Rodríguez.

Rodriguez anticipa Ibra!

Il terzino elvetico, con un contratto fino al 2023, ha recuperato un buon livello di prestazioni e rispetto a quanto fatto vedere negli ultimi anni al Milan è un calciatore recuperato. Sempre a 1,5 milioni ci sono il belga Dennis Praet, in prestito con diritto di riscatto dal Leicester City e quindi al momento in scadenza a giugno, e Rolando Mandragora, anche lui in prestito dalla Juventus fino al prossimo giugno, uno il cui talento è pari solo alla sfortuna che continua a impedirgli di trovare continuità.

Gli stipendi superiori al milione a stagione

A 1,4 milioni c’è invece un terzetto di centrocampisti centrali: Daniele Baselli, Karol Linetty e Tomás Rincón. Dei tre, il più utilizzato è il polacco, che ha un contratto fino al 2024. Verso la scadenza invece sia l’italiano che il venezuelano, che a giugno 2022, a meno di rinnovi al momento non previsti, si libereranno a parametro zero. Un bel gruppetto anche a quota 1 milioni di euro a stagione, che comprende Josip Brekalo, Cristian Ansaldi, Erith Berisha e Ola Aina.

Ansaldi dal dischetto!

L’esterno croato è in prestito dal Wolfsburg, ma con diritto di riscatto a favore del club granata, dunque potrebbe estendere la sua permanenza oltre giugno 2022.

Scadenza vicina anche per il terzino argentino, che però a 35 anni potrebbe anche pensare ad appendere gli scarpini al chiodo. Il portiere albanese, sotto contratto nel 2024, è appena arrivato dalla SPAL, ma la mancanza di spazio e un contratto importante potrebbero portare il club a prendere altre decisioni sul mercato. L’esterno nigeriano, infine, rientrato dal prestito al Fulham, sta giocando con continuità e si gode il suo contratto fino al 2024.

Gli ingaggi di Bremer e Milinkovic da aumentare

Sotto il milione ci sono invece un buon numero di calciatori utilizzati con frequenza. A partire da Mergim Vojvoda e Sasa Lukic, che guadagnano entrambi 700mila euro e sono sotto contratto fino al 2024. Il terzino kosovaro è una buona alternativa, mentre il centrocampista serbo è un titolare fisso nella formazione granata. Così come lo sono il difensore Bremer e il portiere Vanja Milinkovic-Savic, che di euro a stagione ne guadagnano 500mila.

Il gigantesco portiere serbo in uscita bassa!

Il centrale, a scadenza nel 2023, è uno dei punti forti del Toro, ma anche il calciatore con più mercato e senza un rinnovo con adeguamento, il club dovrà pensare a come massimizzarne la cessione.

Il portiere serbo, collezionista di Under per le scommesse Serie A, che ha recentemente prolungato il contratto fino al 2024, si è invece preso il posto e non sembra molto intenzionato a lasciarlo.

Attorno ai 450mila euro c’è invece Koffi Djidji, con un contratto fino al 2023, mentre a 400mila euro a stagione co sono un prodotto del vivaio come Simone Edera, che ha un contratto fino al 2023 e un nuovo arrivo come il ceco David Zima, classe 2000, che si è legato al club con un accordo fino al 2025.

Quanto guadagna Tommaso Pobega

Sui 300mila euro guadagna Tommaso Pobega, centrocampista in prestito secco dal Milan fino a giugno 2022, ma che nonostante la formula è uno dei calciatori più utilizzati ed un ottimo centrocampista anche per il Fanta!

Pobega, ottimo centrocampista del Toro!

A 200mila euro, un paio di nomi che ormai sono abbastanza frequenti nella formazione titolare: Wilfried Stephane Singo e Alessandro Buongiorno. Il terzino ivoriano è la prima scelta a destra e ha un contratto fino al 2023 che necessita di un adeguamento per non rischiare brutte sorprese. Il centrale classe 1999, prodotto del vivaio, si sta invece prendendo il posto in difesa e il rinnovo appena arrivato fino al 2025 dovrebbe far stare il club in una botte di ferro. Chiude la lista il danese Magnus Warming, arrivato dal Lyngby con un contratto da circa 150mila euro a stagione fino al 2024.

*Le immagini dell'articolo sono distribuite da AP Photo.

Sull'autore
Di
Ermanno Pansa

Ermanno è un grande appassionato di sport, in particolare del calcio, vissuto a 360°: come professionista e come tifoso. Ha seguito tutte le fasi finali delle manifestazioni internazionali degli ultimi 15 anni, Mondiali ed Europei.

Amante degli incontri ricchi di gol, collabora quotidianamente con il blog di 888sport, per il quale rappresenta una costante fonte di idee.

 

Articoli Correlati

Il più cercato

Il modello rossonero

Un difensore mancino

Serve un portiere titolare

Non solo Dybala